Lingua madre e adozione. Cosa rimane dentro ai nostri figli?

Print Friendly

Lingua madre e adozione

Che cosa succede quando un bambino adottato deve imparare una nuova lingua diversa dalla lingua madre? Cosa rimane della lingua di nascita? Recenti studi rivelano che nel primo anno di vita il linguaggio primario lascia segni permanenti nel cervello.

Cosa resta della lingua madre in un bambino adottato

Un nuovo report, divulgato ad ottobre 2014 negli Stati Uniti, ha stabilito che la perdita della lingua primaria lascia un segno permanente sul cervello. Le risonanze magnetiche eseguite, mostrano come i bambini cinesi adottati da famiglie canadesi francofone mantengano una conoscenza “inconscia” della loro lingua madre.

Lo studio (www.pnas.org/content), pubblicato negli Atti della National Academy of Sciences (PNAS), sfida la convinzione esistente che l’esposizione ad una lingua nel primo anno di vita del bambino possa essere “cancellata”, se lui o lei viene spostato in un ambiente linguistico differente. Lo studio ha dimostrato che le ragazze cinesi, adottate in media a 12.8 mesi da famiglie di lingua francese in Canada, hanno risposto a toni cinesi, pur non avendo alcuna comprensione consapevole della lingua.

Cosa suggerisce l’esperimento sulla lingua di nascita

L’esperimento ha coinvolto 49 ragazze di età compresa tra 9 e 17 anni nella zona di Montreal. Le ragazze sono state divise in tre gruppi : le francofoni monolingui con nessuna conoscenza del cinese , le ragazze bilingue in francese e cinese e le adottate di origine cinese.

A tutti i gruppi è stato chiesto di ascoltare “pseudo parole” che avevano i toni prevalenti delle lingue cinesi. La risonanza magnetica ha rivelato che le adottate hanno mostrato la stessa attività cerebrale delle ragazze madrelingua, pur non essendo in grado di capire e parlare nulla in lingua cinese.

Fred Genesse, professore emerito presso il dipartimento di psicologia presso la McGill University e co- autore del rapporto, ha sottolineato l’importanza dei risultati della risonanza magnetica. Ha detto: “Nella maggior parte delle persone viene coinvolto l’emisfero sinistro quando si elabora un linguaggio. Quando i monolingui ascoltano queste pseudo-parole, non le processano come se fossero un linguaggio. Per loro suonano solo come un miscuglio di suoni. Se guardiamo gli altri due gruppi, le aree del cervello che stanno attivando sono nell’emisfero sinistro, quindi essi trattano queste pseudo parole come unità linguistiche, come se fossero parole”.

Nelle lingue tonali, come il mandarino, la stessa parola può avere molti significati secondo il tono con cui si pronuncia.
David Stringer, professore associato di studi sulla seconda lingua presso l’Indiana University, ha detto che lo studio ha sfidato la ricerca esistente sugli effetti precoci che le lingue hanno sul cervello. “Sembra contraddire i risultati di studi FMRI simili, i quali suggeriscono che il linguaggio dell’infanzia nei bambini adottati potrebbe essere cancellato dal cervello non appena i bambini acquisiscono la loro nuova lingua”.

Uno studio del 2003 ha osservato alcuni bambini coreani adottati da famiglie di lingua inglese e ha stabilito che la loro lingua primaria era ormai andata perduta.

Alison Mackey, professore di linguistica all’Università di Georgetown, ha detto che le nuove scoperte hanno fornito le prove per l’ipotesi che l’apprendimento precoce delle lingue sia permanente, e ciò che può apparire come la perdita della lingua potrebbe effettivamente essere solo un problema di recupero. Ha detto: “La lingua è lì, ma in pratica non è facilmente accessibile”.

I limiti della ricerca e nuove frontiere da esplorare sulla lingua dormiente

Anche se il nuovo studio è stato generalmente ben accolto, Angela Creese, professore di educazione linguistica presso l’Università di Birmingham, mette in discussione cosa si intenda per “cinese” nello studio e suggerisce che i risultati sarebbero rafforzati con maggiori dettagli sulle storie linguistiche dei bambini. Aggiunge inoltre che l’età dei bambini adottati (in media 12,8 mesi) sia significativa: “E ‘ in questa fase che il discorso comincia ad emergere nei bambini. I bambini sarebbero in grado di isolare i suoni particolari della loro lingua”.

Oltre a contestare le conoscenze esistenti dell’impatto che le lingue primarie hanno sul cervello, Kate Watkins, professore di neuroscienze cognitive presso l’Università di Oxford, ha detto che questo studio avrebbe implicazioni interessanti per coloro che scelgono di “riapprendere” la loro prima lingua. “Ciò suggerirebbe che chi ha subito questa breve esposizione avrebbe un vantaggio nel caso volesse imparare di nuovo questa lingua. Se il cervello è predisposto per rilevare queste categorie [audio ] probabilmente impiegherà un tempo minore per re-imparare la lingua.”

Mackey si chiedeva se le ragazze cinesi adottate avrebbero potuto avvicinarsi alla scioltezza linguistica delle native e ha suggerito che gli studi di follow-up potrebbero esaminare i “benefici cognitivi” di questa esposizione precoce.

“Questa è un’area della ricerca poco conosciuta, ma molto eccitante”, ha detto Stringer . “Possiamo aspettarci di comprendere meglio nei prossimi anni il risveglio della conoscenza della lingua dormiente”.
(tratto da: The Guardian, 20 Novembre 2014)

 

traduzione di Francesca Corti

 

A proposito dell'autore

ITALIAADOZIONI
Redazione