¡CUIDADO AL TĺO! – ATTENTI ALLO ZIO! – ottava puntata

Print Friendly

Illustrazione di Federica Brotto, (diritti riservati) federicabrotto.blogspot.it

Continua l’estate di ItaliaAdozioni con il giallo dell’autrice Paola D’antonio.
Ti sei perso la prima puntata? La puoi leggere QUI

Trovi invece QUI la seconda puntata, la terza puntata , la quarta , la quinta , la sesta e la settima.

Si tratta di un pretesto per parlare del rapporto tra una madre e una figlia adottiva. Un po’ si ride , un po’ si piange e un po’ si riflette. Buona lettura!

Potete anche scegliere di seguire il podcast che abbiamo registrato per voi: lo trovate a fine articolo o su Spotify.

Personaggi:

Ela: figlia adottiva arrivata dalla Colombia a 8 anni

Polly: madre di Ela

Nonna Maria Dina: nonna di Ela, suocera di Polly

Nazareno: zio di Ela, cognato di Polly,  poliziotto in pensione

Zia Sabella, zì Catarina, zi’ Peppe… vicini e parenti della nonna di Ela

Dado, Lea, Milla : coetanei di Ela, ma anche, per le bizzarre parentele da queste parti, suoi nipoti o zii di secondo/terzo grado di Ela, che solitamente abitano al Nord e vengono a Gianpeppino a trovare i nonni

Uomo mezzo morto: leggete fino in fondo, sennò che giallo è?

Sommario ottavo giorno– Colore locale: più che altro il colore della pelle dei colombiani…

Ottavo giorno 

Visto da POLLY

Insomma, qua sanno tutto di tutti, alla fine qualcuno ha detto a qualcun altro che conosco un po’ di spagnolo, e dato che cercare un interprete da queste parti, e in estate, poi, è un’autentica impresa, mi hanno chiesto di andare a parlare con questo colombiano che ne avrà viste di ogni colore in Patria ma in Italia a momenti lo ammazzavano.

E allora oggi pomeriggio, dopo il riposino obbligatorio per l’eccesso quotidiano di calorie, mi portano in Ospedale per interrogarlo. Per fortuna Ela è in piscina, così non insisterà per venire (lei in ogni caso lo spagnolo lo ha praticamente dimenticato, un po’ lo capisce, più che altro nelle canzoni, ma non lo parla più, secondo me- e qualche psicologo – ha voluto dimenticarlo per meglio adattarsi alla sua nuova vita da figlia adottiva!)

P.S. tornata in serata sul tardi (ma tanto qui si cena dopo le 9, mica come in Trentino, che alle 7 si è già a tavola!), il colombiano sì e no ha detto il suo nome, poi continuava a delirare, ripeteva “la niña, la niña” e si agitava, hanno dovuto sedarlo.

Ci devo tornare tra qualche giorno, i medici decideranno quando potrà essere interrogato.

 

Visto da ELA

Chevvedevodì, tornata da piscina stanca morta!

Possibile che tutte le volte mi devo sentir dire “ma che bella abbronzatura, sei stata già al mare?” Io sono colorata di mio, lo volete capire? Poi al sole mi abbronzo un altro po’, così si vede il segno del costume, ma io sono marroncina!

Mamma dice che lo dicono perché mi hanno accettato, in questo modo è come se mi stessero dicendo che sono come loro, ma io sono COLOMBIANA, e in Colombia ci sono tutti i colori! Quella rompi di mia mamma mi dice che in Colombia i colori vanno dal nero al bianco bianco, e che purtroppo le persone vengono considerate più importanti solo se il più chiare possibile, ma anche in Italia non scherzano, eh! Solo che ci sono meno persone colorate che in Colombia, e allora non si possono fare proprio tutte le gradazioni (uagliù,o putèi, ho imparato una parola difficile, la scuola mi sta proprio rovinando!)

Io rimango dell’idea che in Colombia stavo meglio, ma perché mi hanno portato qua? Sì, ho vestiti, scarpe, giocattoli, perfino cellulare e PC tutti miei (lì dovevo dividere quello che c’era con gli altri bambini), ma qui mi tocca andare a scuola fino a sedici anni, scherziamo?

Sempre quella rompi di mia mamma mi dice che ci sono bambini che fanno chilometri di strada a piedi per andare a scuola, e pure per prendere l’acqua, ma se quelli sono scemi io che ci posso fare?

Quando si arrabbia mi dice che se non studio allora sì che dovrò lavorare, e sempre lavoracci (pulire i gabinetti, per esempio), ma io da grande di mestiere farò la ricca, come dicevo da bocia, e così li frego tutti!

 

 Non perderti la PROSSIMA PUNTATA in uscita il 21 agosto

 

A proposito dell'autore

ITALIAADOZIONI
Redazione