CAI e Presidenza del Consiglio rispondano per omissione di controllo

Print Friendly

Udienza filtro del processo contro Airone, l’ente di Albenga accusato di truffa e associazione a delinquere. A 21 coppie sparse per l’Italia facevano balenare (e pagare) adozioni impossibili dal Kirghizistan. Il legale di una famiglia chiede che all’autorità pubblica di controllo, la Commissione per le Adozioni Internazionali (Cai) che dipende da Palazzo Chigi, sia addebitata la responsabilità civile per non aver svolto il suo compito.

Leggi di più

A proposito dell'autore

Ivana Lazzarini
mamma adottiva, mediatrice familiare.