Sentenze

Autorità: Cassazione civile  sez. un.
Data: 01 giugno 2010
Numero: n. 13332

Si tratta della sentenza, innovativa nel suo genere, con la quale la Cassazione ha posto un punto fermo in materia di differenze somatiche nell’adozione.Il principio che la Suprema Corte ha sancito è che il decreto di idoneità all’adozione pronunciato dal Tribunale per i minorenni ai sensi della L. n. 184 del 1983, art. 30, e succ. modif. non può essere emesso sulla base di riferimenti alla etnia dei minori adottandi, nè può contenere indicazioni relative a tale etnia. Ove tali discriminazioni siano espresse dalla coppia di richiedenti, esse vanno apprezzate dal giudice di merito nel quadro della valutazione della idoneità degli stessi alla adozione internazionale.

Print Friendly

A proposito dell'autore

Monica Ravasi
mamma adottiva e avvocato