L’adozione fra i banchi di scuola – quinta edizione

Print Friendly

 

Illustrazione di Elena Geroldi (tutti i diritti riservati)

Con entusiasmo e grandi aspettative parte oggi la quinta edizione del nostro concorso nazionale “L’adozione fra i banchi di scuola” – anno scolastico 2018/19.

Aperto dalla scuola dell’infanzia alla secondaria di secondo grado il concorso prevede la partecipazione delle scolaresche tramite la realizzazione di un unico elaborato, frutto del lavoro cooperativo di tutto il gruppo classe.

Raccontateci l’essere famiglia adottiva visto con gli occhi degli alunni. Elaborati artistici, racconti, video multimediali: porte aperte alla creatività!

Un bilancio

Il concorso si è dimostrato in questi anni in costante crescita. Migliaia i bambini e i ragazzi coinvolti dai loro insegnanti in un range d’età che va dai 3 ai 19 anni. Aumentano di anno in anno le adesioni dei docenti che accettano di mettersi in gioco e scelgono di sensibilizzare alla cultura dell’Adozione i loro alunni.

Fin dalla prima edizione la categoria più numerosa rimane la scuola primaria che da sola, tendenzialmente, copre la metà delle iscrizioni. Segue la scuola dell’infanzia ed anche i più piccoli ci hanno piacevolmente stupito con meravigliosi elaborati in tutti questi anni.

In crescita la partecipazione della scuola secondaria di primo grado nella quale il concorso viene accolto ad oggi per lo più da docenti di italiano o arte, ma che sentiamo possa coinvolgere tante altre materie.

Dalla terza edizione il concorso è stato aperto anche alla scuola secondaria di secondo grado e i ragazzi hanno partecipato con spot e cortometraggi di grande qualità che denotano un serio approfondimento in fase progettuale.

Noi che siamo ITALIAadozioni, con grande soddisfazione, in questo quinquennio abbiamo unito in quest’iniziativa istituti scolastici territorialmente distanti, raggiungendo ogni realtà del nostro incantevole Paese.

Perché partecipare?

Favorire la conoscenza del percorso familiare adottivo significa riflettere sui valori dell’accoglienza e della valorizzazione delle diversità che sono, oggi più che mai, valori sui quali sensibilizzare le nuove generazioni.

La Giuria del concorso eleggerà, entro fine aprile 2019, una classe vincitrice per ognuna delle quattro categorie: infanzia, primaria, secondaria di I grado e secondaria di II grado. Le classi che si classificheranno prime in riceveranno premi per la scuola.

Gli elaborati che si classificheranno al secondo e terzo posto, in ognuna delle categorie, verranno invece premiati con uno speciale attestato di “Scuola amica di Italiaadozioni”.

Da dove partire?

I docenti, per primi, avranno modo di conoscere e/o approfondire tutte le tematiche inerenti al mondo adottivo anche tramite i materiali presenti nel nostro portale, per poi guidare, con maggiore attenzione e consapevolezza, i propri alunni nella progettazione e nella realizzazione di un elaborato di classe.

Si può pensare ad un progetto oppure inserire il concorso nella normale attività didattica considerando che la tematica dell’adozione ben si inserisce nella programmazione della scuola dell’infanzia e primaria in quanto frequentemente si parla di nascita e di famiglia in ambiti e discipline differenti.

Consideriamo poi che non sia difficile per i docenti trovare gli opportuni agganci per parlarne di Adozione anche alla secondaria di primo e secondo grado; talvolta basta semplicemente una lettura, un tema, un dipinto o una notizia di cronaca per introdurre l’argomento ed avviare un confronto.

Si possono inoltre visionare gli elaborati delle scorse edizioni nelle foto della pagina Facebook dedicata al concorso e nel nostro canale YouTube una playlist dedicata permette di apprezzare una parte degli elaborati multimediali.

 

Concorso nazionale “L’adozione fra i banchi di scuola” a.s. 2018/2019– quinta edizione

LEGGI IL BANDO

MODULO D’ISCRIZIONE

Lo staff Italiaadozioni sarà sempre disponibile, come nelle scorse edizioni, per un confronto tramite la e-mail concorso.italiaadozioni@gmail.com e sui social network, in particolare nella pagina facebook dedicata all’iniziativa.

A proposito dell'autore

ITALIAADOZIONI
Redazione