“Cara Adozione” racconta le tappe dell’adozione

Print Friendly

"Cara adozione"

“Cara Adozione”, una raccolta di lettere e spunti tecnici per raccontare le tappe dell’adozione. Un manuale che narra la voce vera dei protagonisti dell’adozione nelle varie fasi dell’iter, dalla scelta della coppia alla ricerca delle origini. Un prezioso scrigno da regalare a mamme, papà e figli, che stanno vivendo l’adozione, e a tutte quelle persone sensibili che l’hanno toccata e vogliono saperne di più. Insieme per non sentirsi soli nelle difficoltà e nelle gioie di questo particolare mondo che ci accomuna.

Nella cornice di Piazza Gae Aulenti, una delle più prestigiose piazze di Milano, il 17 ottobre 2016 all’Illy Caffè, ho partecipato alla presentazione del libro “Cara adozione”. Sono la curatrice del libro, ma… di persona non conoscevo davvero nessuno a parte mio marito che mi ha accompagnato come fotografo-reporter non ufficiale. La bellezza di questo libro è che ha fatto incontrare tante persone che hanno collaborato a distanza e non si erano mai viste prima. Un’energia esplosiva.

Dopo un abbraccio affettuoso con Ivana Lazzarini, presidente di ItaliaAdozioni, è iniziata la presentazione. Non mi aspettavo così tanta gente. I posti a sedere erano tutti occupati e ad un certo punto c’erano persone persino in piedi e sulla scalinata della sala che ci ha ospitati. Tutti ad ascoltare il racconto dell’adozione.

Ha iniziato Ivana introducendo i relatori e definendo “Cara Adozione” come un’avvolgente coperta “patchwork”, costruita con i ritagli di vita cuciti assieme dal filo dell’adozione. A questo riguardo un saluto particolare è stato indirizzato agli autori delle lettere, venuti da tutte le parti d’Italia, gli indiscussi protagonisti di questo libro.

Autori presenti alla serata

Quando è stato il mio turno, non pensavo che le parole potessero uscire così fluide. Ho spiegato che il libro è nato dal mio incontro con ItaliaAdozioni, ormai tre anni fa, e da un’intuizione, quella di Ivana, che sapeva di avere tra le mani un tesoro prezioso. Così è venuta alla luce “Cara adozione”, questo libro fatto di tante esperienze sotto forma di lettera, accompagnate dalla scrittura professionale di Mariangela Corrias, la nostra psicologa, Monica Ravasi, avvocato e vice presidente di ItaliaAdozioni, Greta Bellando pedagogista e Maria Cristina Mocchi, insegnante.

Il libro è dedicato alle famiglie, all’inizio o nel bel mezzo dell’adozione, che si possono ritrovare nei vari capitoli del libro: la scelta dell’adozione, l’attesa, l’abbinamento, l’incontro, la famiglia appena nata, l’adolescenza, la ricerca delle origini e la gente attorno a noi, capitolo, quest’ultimo, che sintetizza gli aneddoti che ci accadono nella vita di tutti i giorni.

In verità il messaggio di “Cara adozione” è per tutti, perché è indubbio che un’adozione riuscita è quella dove tutti gli interlocutori del bambino agiscono insieme per il suo bene. Intendo riferirmi alla famiglia allargata (nonni, zii, parenti e amici), alla scuola (questo testo intende comunicare agli educatori quali sono le peculiarità dei nostri figli partendo da come si è formata la famiglia) e ai giornalisti e alla società tutta (l’ultimo capitolo è dedicato al linguaggio sensibile dell’adozione).

Maddalena Mazzocut-Mis, docente di estetica all’Università degli studi di Milano,

Autori presenti alla serata

ha invitato gli autori a continuare a scrivere, perché raccontare aiuta a vedersi allo specchio e fa stare bene. Ha aggiunto che “Cara adozione” ci porta a riconoscerci in almeno una delle varie situazioni descritte. Maddalena ha anche invitato a riflettere sul fatto che le famiglie adottive sono una comunità ricca di esperienze profonde, diverse ma simili, che varrebbe la pena di condividere più spesso. La filiazione adottiva è attraversata da sentimenti vissuti intensamente, più che in una filiazione biologica, ed è fatta di tappe obbligate in cui tutti ci riconosciamo. Per lo meno ciò è quello che lei ha appreso dalla sua esperienza di duplice maternità biologica e adottiva.

Di seguito è intervenuta Stefania Vadrucci, redattrice del blog Alley Oop del Sole 24Ore. Soffermandosi sempre sul fatto che la lettera è un esercizio di riflessione profonda, ha ricordato un’esercitazione nel suo post adozione di mamma, quando le operatrici avevano invitato il gruppo a scrivere tre lettere: una alla mamma che le aveva generate, la seconda alla mamma biologica del figlio entrato in famiglia e l’ultima a se stesse neo mamme. Era stato un esercizio difficile proprio perché le costringeva a veicolare delle emozioni molto forti. La peculiarità di “Cara adozione” è proprio l’impatto delle testimonianze. Durante tutto il percorso, noi tutti cerchiamo di parlare e incontrare persone che hanno già vissuto quell’esperienza e che ci possono aiutare a focalizzare risorse e difficoltà all’interno di noi.  In questo “Cara adozione” può essere uno strumento ineguagliabile.

Serata di presentazione del libro "Cara adozione"

Il momento di maggiore impatto è stata la testimonianza degli autori. Emilia Rosati ci ha parlato del suo desiderio, ormai impossibile, di parlare in maniera più intima con la sua mamma adottiva. Le sorelle Virginia e Silvia Bruffa hanno condiviso le fasi di maturazione all’adozione di un fratellino con bisogni speciali in una famiglia numerosa. Infine, Monia Casari ci ha contagiato con la sua vivacità di mamma entusiasta della scelta compiuta. Il tutto corredato dalla lettura di alcune lettere da parte di Gianni Coluzzi, attore professionista.

Poi tutti a scattare foto di gruppo, con autori e volontari, per immortalare un momento importante per ItaliaAdozioni e i suoi sostenitori. A questo proposito seguiteci sulla pagina facebook “Cara adozione”, i momenti salienti li trovate lì, con i video dei vari interventi e le future presentazioni del libro in giro per il nostro Paese.

Mentre sorseggio qualcosa, si avvicina la mamma dell’autore più giovane, Alessandro Mantero e mi dice: “Alessandro è un timido, non ha voluto parlare. Ma è tutto vero quello che c’è scritto nella lettera. La mattina del suo undicesimo compleanno si è alzato e il suo primo pensiero è stato: “Ma lei, si ricorderà di me oggi?””.

“Cara adozione” è tutto questo.

Roberta Cellore

 

 

 

 

 

È possibile seguire la promozione del libro e vedere video e foto delle presentazioni del volume sulla pagina Facebook dedicata a Cara Adozione.

 

Chi desidera una copia di Cara Adozione può versare un contributo di 15 euro (comprensivi della spedizione) e scrivere il proprio indirizzo a redazione@italiaadozioni.it.

Per versare la somma si può utilizzare:

Paypal  oppure

bonifico bancario intestato a Associazione ItaliaAdozioni:
IBAN: IT76Z0608532880000000021688

A proposito dell'autore

Roberta Cellore
Mamma adottiva, analista bancario, gestisco il blog ilpostadozione.org.